• slide0.png
  • slide1.png
  • slide2.png

Auditorium Bianco Manghisi - Il progetto

L’AUDITORIUM BIANCO MANGHISI - Teatro annesso alla Casa di risposo Romanelli

 

A Monopoli, nel 2005 viene costruito un piccolo teatro annesso alla Casa di Riposo “Romanelli” (in città meglio nota come "I Cappuccini”), nell'ala donata dalla Signora Bianco.
Mai aperto al pubblico, il teatro rinasce nel 2015 grazie all’accordo fra la Asp “Romanelli-Palmieri” e l’Associazione Apad Onlus.

L’Apad si è impegnata a ristrutturare il teatro e offrirlo alla città grazie ad un intervento di circa 100mila euro cofinanziato dalla UniCredit Foundation, che ha creduto nella bontà dell’iniziativa, e dalla Compagnia teatrale Instabile; contestualmente l’Asp “Romanelli-Palmieri” ha concesso in locazione il teatro all’associazione per dieci anni ad un canone simbolico.

I lavori di ristrutturazione hanno riguardato la costruzione di una nuova entrata autonoma rispetto alla casa di riposo e la muratura degli accessi ad essa esistenti, con la realizzazione di nuove uscite di sicurezza, la ricostruzione del palco (aumento delle dimensioni, sipario, quinte, fondale), il potenziamento dell’impianto audio e luci, l’eliminazione delle barriere architettoniche, il parziale rifacimento del lastrico interessato da pesanti infiltrazioni, l’allestimento di un impianto di riscaldamento e condizionamento, l’adeguamento dell’impianto antincendio. Tutti adeguamenti a norma, secondo le indicazioni della Commissione pubblico spettacolo.

Il progetto ha dato anche dimora e lavoro ad un giovane migrante, Elby, che tutt'ora svolge le funzioni di responsabile della custodia del teatro.

Dal 2015 ogni anno è allestita una Rassegna di prosa arricchita dal 2016 da una Rassegna per bambini e famiglie.

Il ricavato di queste iniziative viene utilizzato per portare avanti i progetti dell’Apad nei paesi finora sostenuti (Albania, Angola, Rwanda, Egitto, Bolivia), ma anche nel territorio.

E' attivo, inoltre, un laboratorio teatrale rivolto ad anziani dal titolo "I viaggiatori della terza età".